Tag-Archive for ◊ nascituri ◊

Author: admin
• martedì, novembre 01st, 2011

Come tutti sappiamo le tartarughe sono rettili in via d’estinzione proprio perchè le condizioni climatiche non permettono il regolare ciclo e gli sbalzi di temperatura sono micidiali. Iniziamo col dire che una temperatura costante permette alle uova di schiudersi in minor tempo, quindi invece dei loro naturali 90 giorni si passa ai 60 giorni trascorsi nell’incubatrice. Voglio ricordare inoltre che la temperatura determina il sesso del nascituro, dai 27° ai 30° si ha una prevalenza di maschi, dai 30° ai 32° metà e metà, mentre dai 32° ai 34° femmine. Quindi per far si che la specie si preservi conviene tenere la temperatura dai 32° ai 34°, un unico maschio riesce ad inseminare molte femmine. Altro elemento essenziale è l’umidità che serve per tenere morbido il guscio per far si che le piccole tartarughe, anche se munite di una forza straordinaria, riescano a romperlo in modo più agevole.

Iniziamo la costruzione.

Materiali: Un acquario, un riscaldatore e una pompetta per acquari, del plexiglass, un pomello, una vaschetta abbastanza pesante da non galleggiare e della sabbia a grana grossa.

Procedimento: Prendiamo l’acquario, fissiamo la pompetta e il riscaldatore uno di fronte all’altro con le ventose in dotazione sul fondo dell’acquario.

Adesso con il plexiglass creiamo un coperchio per coprire l’acquario, al centro facciamo un piccolo foro e fissiamo il pomello. Adesso la cosa più importante di tutte è creare un pezzo di plexiglass inarcato per far si che le gocce della condensa non cadano sulle uova. Andrà tagliato leggermente più lungo in modo da incastrarsi perfettamente, ideale sarebbe una piccola guarnizione sui lati per non farlo scivolare.

Adesso riempiamo l’acquario d’acqua fino a coprire la pompetta ed il riscaldatore, calcoliamo che nei 60 giorni un piccola percentuale d’acqua evaporerà quindi mettiamone qualche centimetro in più. Ora procediamo col riempire il contenitore che dovrà andare immerso nell’acqua con la sabbia, dove andremo ad adagiare le uova.

Vorrei aggiungere una cosa per chi a dubbi nell’utilizzo della pompetta, serve per rendere la temperatura interna molto più omogenea, altrimenti l’acqua si riscalda prevalentemente dal lato del riscaldatore. Comunque se non sono stato chiaro su qualche passaggio resto a vostra disposione!!

Questo è quello che serve per ottenere questo risultato.

Oppure se non mi sono spiegato bene ecco a voi il video